Tipologie di Fondi Comuni

Non attivi Di

Una suddivisione dei fondi comuni di investimento collocati nel nostro Paese riguarda la loro origine. In questo senso si distinguono fondi di diritto italiano e fondi di diritto estero, questi ultimi costituiti in Paesi stranieri e offerti in Italia. In base a questo criterio possiamo individuare i cosiddetti fondi armonizzati e fondi non armonizzati.
La differenza riguarda la loro conformità verso le normative europee. Infatti i fondi armonizzati sono fondi e Sicav di tipo aperto, costituiti nei Paesi dell’Unione europea, che investono prevalentemente in strumenti finanziari quotati nelle Borse regolamentate (azioni, obbligazioni, e quant’altro).

Il termine “armonizzati” deriva dal fatto che seguono regole e criteri comuni, previsti a livello comunitario (Direttiva CEE n. 85/611), per tutelare gli interessi dei risparmiatori. I punti più importanti della Direttiva prevedono la limitazione dei rischi che i gestori devono assumere nelle loro decisioni di investimento (è previsto nel regolamento dei fondi) e una serie di controlli a cui sono sottoposti.
In base alle norme comunitarie, quindi, i fondi armonizzati di tutti i Paesi di origine devono avere caratteristiche simili e devono essere facilmente negoziati all’interno dei Paesi dell’Unione europea. La vigilanza è affidata alle autorità del Paese dove il fondo è stato costituito. Per esempio, un fondo lussemburghese sarà vigilato dalle autorità del Lussemburgo, anche se offerto in Italia, ed il prospetto informativo dovrà essere depositato presso la nostra Consob.

A seconda dello stile di gestione i fondi comuni possono essere “growth” e “value”. I fondi growth, cioè “crescita”, investono su società che si prevede potranno registrare una forte espansione, sia in quote di mercato che come utili aziendali. Sono dunque fondi “aggressivi”, e quindi presentano un certo rischio, ma anche un potenziale di guadagno maggiore rispetto ai fondi value. I quali, invece, investono in società molto stabili, che hanno “valore”, con fondamentali molto solidi, e che hanno delle oscillazioni molto più contenute rispetto alle società dei fondi growth.

A seconda della capitalizzazione (cioè della dimensione dei titoli azionari compresi nel fondo), abbiamo i fondi azionari “small cap” se il fondo investe su azioni di società con meno di 1 miliardo di euro di capitalizzazione, i fondi azionari “mid cap”, con una capitalizzazione tra 1 e 3 miliardi di euro, e i fondi azionari “large cap”, se il fondo investe su titoli con capitalizzazione superiore a 3 miliardi di euro. In teoria i fondi “large cap” dovrebbero essere più sicuri e stabili rispetto agli altri, ma non sempre è così, perchè spesso il mercato premia le piccole società con bilanci sani e prospettive di utili molto interessanti.

A seconda della valuta, ci sono, infine, i fondi in valuta espressi in dollari, in euro, in sterline, in yen, e così via. Questa classificazione è molto più importante di quanto non sembri a prima vista. Infatti se un italiano acquista un fondo espresso in dollari e non copre il rischio di cambio, nel caso in cui la Borsa americana salisse, per esempio del 10%, ma contemporaneamente il dollaro scendesse del 10% rispetto all’euro, si ritroverebbe con un rendimento pari a zero. Se invece il dollaro salisse del 10% il nostro italiano guadagnerebbe il 20%.
Per questo motivo prima di sottoscrivere un fondo occorre informarsi bene sulle sue caratteristiche, leggendo con attenzione il prospetto informativo, in modo da essere consapevole dei rischi a cui vanno incontro i propri risparmi.